Prelievo ovocitario (pick up)

Definizione

Si tratta di una procedura che permette, per via transvaginale ecoguidata, di recuperare gli ovociti giunti a maturazione dopo stimolazione ovarica controllata durante un ciclo FIVET-ICSI.

Preparazione

Si raccomanda una cena leggera la sera precedente al giorno del prelievo ovocitario e un digiuno di almeno 6 ore (anche da acqua e caffè) il giorno del prelievo ovocitario, dinon indossare monili, di non fare uso di cosmetici (smalto, trucco) e di eseguire un bagno di pulizia.

Come si svolge

Il prelievo ovocitario viene eseguito in anestesia generale, mediante una leggera sedazione effettuata dall’anestesista, presente in sala durante l’intera procedura o, in casi eccezionali, in anestesia locale (praticata a livello dei fornici vaginali). In ogni caso, prima del pick up, sarà quindi necessario eseguire una consulenza anestesiologica.

Il pick up ha una durata media di 10-15 minuti e viene effettuato utilizzando la medesima tecnica ecografica (con sonda vaginale) eseguita durante i monitoraggi, sulla cui guida scorre un ago sottile che, attraverso la vagina, giunge fino ai follicoli presenti nell’ovaio, per aspirarne il liquido. Tutti i follicoli verranno aspirati e il liquido follicolare verrà raccolto in provette, che verranno immediatamente consegnate ai biologi. La valutazione microscopica ha infatti lo scopo di controllare quanti ovociti sono presenti, poichè può anche verificarsi l’eventualità di follicoli “vuoti”, ovvero privi di ovocita all’interno.

Decorso post-operatorio

Dopo il pick-up è utile rimanere coricate per circa un’ora. Si potranno verificare qualche leggero disturbo addominale e piccole perdite ematiche per il resto della giornata ed anche il giorno successivo. Se necessario, si consiglia di assumere un analgesico, come da indicazione medica. La normale attività lavorativa può riprendere dal giorno successivo al pick up, salvo diversa indicazione clinica.