Seleziona una pagina

Gravidanza gemellare e inseminazione artificiale

Una gravidanza multipla spesso sorprende i futuri genitori, ovviamente oggigiorno è possibile venirne a conoscenza in anticipo per potersi preparare ai nuovi arrivi.

Per mezzo dell’ecografia è possibile verificare la presenza di una gravidanza gemellare già dalla quinta settimana. Ed è possibile questo tipo di gravidanza anche con l’inseminazione artificiale.

Dal 1980 ad oggi il tasso di nascite multiple è aumentato ciò è dovuto all’uso di farmaci per la fertilità e dal fatto che sempre più donne hanno bambini in età avanzata.

gravidanza gemellareUna gravidanza multipla, o gemellare, si presenta quando un singolo ovulo fecondato si divide o se viene fecondato più di un ovulo. Nel primo caso si parla di gemelli omozigoti, nel secondo di gemelli biovulari o dizigoti.

Negli ultimi anni si sta assistendo a nascite di tre gemelli, anche se sono molto rare e per lo più riguardano donne che hanno seguito dei programmi fecondazione assistita.

L’aumento delle nascite multiple tra le donne sopra i 35 anni è stato collegato ai più elevati livelli di gonadotropina (l’ormone che stimola le ovaie a sviluppare e rilasciare ovuli).

Più una donna va avanti con l’età più aumenta il suo livello di gonadotropina, di conseguenza più aumentano le sue possibilità di produrre due ovuli in un ciclo mestruale.

La maggior parte dei gemelli nati da donne mature sono gemelli biovulari.  Le nascite gemellari possono ripetersi nelle stesse famiglie ed è un’ereditarietà trasmessa dalla parte della madre.

Le nascite multiple sono comuni nei casi di fecondazione in vitro.

Ciò potrebbe essere causato da un intenso utilizzo di farmaci per la fertilità o dall’introduzione di più ovuli fecondati durante il ciclo di inseminazione artificiale.

In quest’ultimo caso, un gruppo di ricercatori spagnoli, ha evidenziato che in caso di fecondazione e inseminazione artificiale  la percentuale di gravidanze multiple che arriva a termine è maggiore rispetto a gravidanze singole, ed è stato ipotizzato che l’interazione dei due embrioni potesse essere un fattore di successo per lo sviluppo di entrambi di uno solo di essi, ciò potrebbe far presupporre che alcuni embrioni che non sarebbero sopravvissuti singolarmente siano stati rafforzati dalla presenza del secondo embrione.

La gravidanza gemellare si ritiene essere giunta a termine già dopo la fine della trentasettesima settimana, mentre il termine delle gravidanze singole è di quaranta settimane.

 

Per maggiori informazioni o contatti su inseminazione artificiale e fecondazione assistita in Promea, accedere alla pagina contatti, dal menù principale di questo sito.