Seleziona una pagina

Menopausa precoce e inseminazione artificiale

L’inseminazione artificiale è una delle tante misure terapeutiche che possono essere effettuate per consentire ad una persona che soffre di infertilità di affrontare il problema della incapacità di procreare in maniera naturale.

Al giorno d’oggi, è abbastanza diffuso che una coppia non riesca ad avere figli attraverso mirati e spontanei rapporti sessuali: ciò può accadere per diversi motivi (lo stress ed il nervosismo influiscono moltissimo nella vita sessuale dell’individuo e nella sua fertilità, e lo stesso vale per l’assunzione di farmaci che possono inibire le capacità fertili della coppia), ma sicuramente uno dei più diffusi è senza dubbio l’età.

L’età non è un problema che riguarda gli uomini, ma le donne sono abbastanza suscettibili ai cambiamenti ormonali durante un’età più avanzata rispetto ai 20 anni. Ed il fatto che molto spesso una coppia riesca (per motivi economici, familiari, personali o di lavoro) a sposarsi e a mettere su famiglia solo intorno ad un’età più avanzata è sicuramente uno dei motivi principali per i quali una donna può avere delle difficoltà a rimanere incinta in maniera naturale.

Tra menopausa precoce e inseminazione artificiale, poi, vi sono dei legami abbastanza importanti, dovuti per lo più al fatto che una donna che vive una condizione di menopausa precoce ha sicuramente molte più difficoltà a rimanere incinta. Per questo motivo, può essere di aiuto, a livello terapeutico, sottoporsi ad un trattamento di inseminazione artificiale: rientra nell’ambito della cosiddetta procreazione medicalmente assistita (Pma), che prevede l’uso della fecondazione artificiale nella donna, che viene fecondata facendo uso di una stimolazione esterna.

Al giorno d’oggi, in Italia – grazie alla sentenza numero 162 della Consulta, del 9 aprile 2013 – è possibile sottoporsi, oltre alla fecondazione di tipo omologo (un tipo di inseminazione in cui i gameti appartengono alla stessa coppia), anche alla fecondazione eterologa che prevede l’uso di gameti esterni alla coppia. Questi trattamenti sono molto importanti perché consentono di affrontare in maniera concreta problemi come l’infertilità, spesso dovuta a problemi di menopausa precoce.

La menopausa precoce è un disturbo che può verificarsi prima dei 40 anni, ed è purtroppo comune a molte donne. Le motivazioni legate all’insorgenza di questo disturbo possono essere svariate, ed in alcuni casi si tratta di una condizione assolutamente spontanea. In altri casi, invece, la menopausa precoce è indotta (causata da problemi esterni alla persona, come uso di farmaci e trattamenti chemioterapici).

Una delle situazioni più diffuse relative all’insorgenza della menopausa precoce è l’incapacità di avere figli in maniera naturale, ma l’inseminazione artificiale può essere di grande aiuto nella risoluzione del disturbo.